skip to Main Content
IL DIGESTORE ANAEROBICO RAPPRESENTA LA SFIDA AMBIENTALE DELL’ECONOMIA CIRCOLARE.

IL DIGESTORE ANAEROBICO RAPPRESENTA LA SFIDA AMBIENTALE DELL’ECONOMIA CIRCOLARE.

L’economia circolare è un modello di produzione e consumo che implica riutilizzo e riciclo dei materiali e prodotti esistenti il più a lungo possibile. In questo modo si estende il ciclo di vita dei prodotti, contribuendo a ridurre i rifiuti al minimo. Una volta che il prodotto ha terminato la sua funzione, i materiali di cui è composto vengono infatti reintrodotti, laddove possibile, nel ciclo economico.

Il digestore anaerobico è una declinazione coerente del concetto di economia circolare poiché si tratta di un impianto che trasforma in materia prima (biogas, anidride carbonica per ospedali e sostitutivi dei concimi) potature, tagli del verde e scarti di cucina, attraverso un processo di degradazione della sostanza organica a basso impatto ambientale.

Si presenta ora la possibilità che l’azienda pubblica della nostra città, ASET Spa, realizzi proprio un digestore anaerobico – per trattare circa 60-70.000 tonnellate di materiale all’anno e servire l’ambito provinciale – e molti sono gli interrogativi che questo progetto, innovativo sul piano sia tecnologico sia ambientale, porta con sé, non da ultimo quello della sua eventuale localizzazione.

Per questo IN COMUNE vuole proporre un’occasione pubblica di approfondimento e confronto, per fare in modo che una scelta così importante per il nostro territorio sia una scelta consapevole, tanto per la politica quanto per la comunità.

Fano, 29 Ottobre 2019

In Comune