skip to Main Content
CON “IN COMUNE” IL CENTROSINISTRA E’ PIU’ FORTE. ORA MASSIMO IMPEGNO PER IL BALLOTTAGGIO.

CON “IN COMUNE” IL CENTROSINISTRA E’ PIU’ FORTE. ORA MASSIMO IMPEGNO PER IL BALLOTTAGGIO.

Ieri sera, alla conclusione dello spoglio dei seggi, in tante/i ci siamo stretti in un abbraccio liberatorio: Fano non è stata travolta dal clima di odio che ha tracimato nel Paese e il centrosinistra – a dispetto di tanti profeti di sventura – è a un passo dalla vittoria.

Come In Comune – Fano abbiamo lavorato con pazienza, passione, umiltà unendo l’intelligenza, l’entusiasmo, l’umanità di decine e decine di meravigliose/i candidate/i e volontarie/i che hanno portato insieme a me e al nostro candidato a Sindaco, Massimo Seri, la pertica con il lume del lampadiere lungo la strada per renderla meno buia. Abbiamo raccolto quasi 1300 voti – il 4% – e siamo a livello provinciale l’unica lista di #sinistra a eleggere una propria autonoma rappresentanza. Un risultato importante, a cui si aggiunge la soddisfazione personale per essere – con 519 preferenze – il candidato più votato del centrosinistra. Sono tutte buone notizie, che rafforzano il progetto di In Comune, il cui orizzonte è già proiettato oltre il passaggio elettorale. Un grazie enorme a tutte/i coloro che ci hanno sostenuto e premiato.

Ma, appunto, la partita è ancora aperta e il 9 giugno ci sarà il ballottaggio, diverso purtroppo da quello di cinque anni fa: allora infatti il ballottaggio tra Massimo Seri e Hadar Omiccioli chiudeva una lunga e immobile stagione di governo del centrodestra e poneva Fano di fronte a due diverse #idee di cambiamento. Fu un confronto salutare per la città. Questa volta invece si confronteranno da una parte una proposta di buongoverno progressista che continua a investire sul cambiamento della città e dall’altra la vecchia Giunta Aguzzi…

Ecco, al di là dei numeri, è questa consapevolezza che deve in queste ultime due settimane di campagna elettorale spingere ognuno di noi a una #mobilitazione forte e appassionata, perché non sono in gioco una manciata di percentuali ma il futuro della nostra comunità.